Perdere peso nella crisi della corona

Ci ha davvero preso tutti di sorpresa – il coronavirus. Ci sono molte speculazioni sulle sue origini. Ma a prescindere dal fatto che sia saltato dagli animali selvatici agli esseri umani sui wet markets o che abbia avuto origine nei laboratori, ci troviamo ancora oggi di fronte a una pandemia. Attualmente stiamo combattendo la quarta ondata, e si spera che la vaccinazione metta finalmente fine all’intero spettro.

Fattore di rischio: obesità

Il presidente dell’Associazione olandese per la medicina di cura intensiva, Diederik Gommers, ha recentemente detto che tra il 66 e l’80 per cento dei pazienti coronarici nelle unità di cura intensiva sono in sovrappeso.

Ovviamente, essere in sovrappeso (BMI > 30) aumenta il rischio di ammalarsi gravemente o addirittura di morire per un’infezione corona. Da un lato, l’obesità non solo peggiora la situazione cardiovascolare, ma ha anche un effetto diretto di indebolimento del sistema immunitario. Inoltre, il sistema immunitario è attaccato da cellule infiammatorie, che a loro volta sono tipiche dell’aumento del tessuto adiposo. Infine, l’aumento del peso corporeo impedisce la meccanica respiratoria che è così importante, soprattutto nei pazienti in terapia intensiva.

Perdere peso nella crisi della corona è possibile

Dovresti quindi prestare molta attenzione a mantenere il tuo peso corporeo entro limiti sani. Dato che quasi tutti noi abbiamo cambiato le nostre abitudini alimentari a causa della crisi di Corona, c’è ovviamente anche il pericolo di ingrassare, perché mangiamo quasi solo a casa, cuciniamo e mangiamo molto di più e di solito viviamo una vita molto meno attiva di prima. Perciò provi subito a rivedere le tue abitudini alimentari e a cambiarle, se necessario. Hai molto tempo al momento e probabilmente anche nei prossimi mesi per dare uno sguardo più da vicino al cibo e alla sua preparazione. Ci sono molti metodi che possono aiutarti nel tuo cammino verso una dieta sana e varia.

Qui puoi imparare di più e dettagli molto interessanti sulle applicazioni del test SALOMED: